Favole di Esopo/Di una Cerva, ed una Vite

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di una Cerva, ed una Vite

../Di una Cerva, ed un Leone ../Dell'Asino, il Leone, ed il Gallo IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di una Cerva, ed una Vite
Di una Cerva, ed un Leone Dell'Asino, il Leone, ed il Gallo
[p. 125 modifica]

Di una Cerva, ed una Vite. 47.


Una Cerva fuggendo da’ Cacciatori si nascose sotto una Vite: Quando quelli furono un poco passati, pensando essere ascosa, cominciò a mangiare le foglie della vite, e facendo strepito, i Cacciatori si voltorono, e pensando, quel che era, ciò che qualche animale fosse nascosto sotto quelle foglie, ammazzarone con le saette la Cerva, la quale in tanto diceva: Quel che patisco è giustamente, perch’io non doveva offendere, chi mi guardava.


Sentenza della favola.

La favola dimostra, che chi fa dispiacere a quelli, da’ quali ha avuto beneficio, Dio le castiga.