Favole di Esopo/Di una Mula

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di una Mula

../Di un Fabro, ed un Cane ../Di un Medico IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di una Mula
Di un Fabro, ed un Cane Di un Medico
[p. 218 modifica]

Di una Mula. 213.


Una Mula per troppo Orzo, ch’aveva mangiato, era diventata tanto grassa, che di continuo scherzava, dicendo fra se medesima: mio Padre fu un Cavallo, che nel [p. 219 modifica]correre era veloce, ed in ciascuna cosa m’assomiglio a lui. Indi a pochi dì accadde alla Mula correr forte, e non potendo più, disse: Oimè, che io pensava esser figliuola di un Cavallo, ma ora mi ricordo, che io fui figliuola di un’Asino.

Sentenza della favola.

La favola significa, che i pazzi nelle prosperità si scordano di loro medesimi, e nelle avversità si ricordano di quel che sono.