Filocolo/Libro quarto/122

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro quarto - Capitolo 122

../121 ../123 IncludiIntestazione 17 settembre 2008 75% letteratura

Libro quarto - Capitolo 122
Libro quarto - 121 Libro quarto - 123

O allegrezza inestimabile, o diletto non mai sentito, o amore incomparabile, con quanto effetto congiugneste voi i novelli sposi! Pensinlo le dure menti, nelle quali amore non puote entrare, pensinlo i crudi animi: e se questo pensando, non divengono molli, credasi che graziosa virtù in loro abitare non possa! Nelli disiderati congiugnimenti si poterono per la camera vedere fiaccole non accese da umana mano, né da quella portate. Ivi si poté vedere Imineo in figura vera coronato d’uliva, e Citerea fare mirabile festa intorno al suo figliuolo; e non ch’altro iddio, ma Diana vi si vide rallegrarsi di tanto congiugnimento, laudandosi, cantando santi versi, che sì lungamente l’uno all’altro avea sotto le sue leggi guardati casti. Dilettaronsi i due amanti convenevole spazio negli amorosi congiugnimenti, e ultimamente del tempo quasi fino presso al giorno dierono a diversi ragionamenti: poi vinti dal sonno, abbracciati soavemente dormendo stettero tanto, che il sole luminò ciascuno clima del nostro emisperio con chiara luce.