Filocolo/Libro quinto/69

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro quinto - Capitolo 69

../68 ../70 IncludiIntestazione 17 settembre 2008 75% letteratura

Libro quinto - 68 Libro quinto - 70

Sanza niuno indugio partitosi Filocolo da Ilario, e tornato all’ostiere, narrò a’ suoi compagni che fare doveano, e similemente a Biancifiore e a Glorizia, acciò che malcontente nel piccolo spazio non dimorassero. Per che veduto luogo e tempo, Ascalion disse a Mennilio che partire li convenia: e preso da lui congedo e da Quintilio, e Filocolo e gli altri compagni similemente rendendo degne grazie del ricevuto onore, e Biancifiore e Glorizia da Clelia e da Tiberina ancora s’accomiatarono, con pietose lagrime partendosi. E saliti sopra i buoni cavalli, con tutta la famiglia e ’l piccolo figliuolo, che all’ostiere loro primo era rimaso, fattisi venire li grandi arnesi, cercarono Alba, antica città da te, o Enea, edificata, alla quale assai tosto pervennero: e quivi stando celati, attesero il messaggio d’Ilario.