Filocolo/Libro secondo/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro secondo - Capitolo 22

../21 ../23 IncludiIntestazione 17 settembre 2008 75% letteratura

Libro secondo - Capitolo 22
Libro secondo - 21 Libro secondo - 23

Quella notte fu a’ due amanti molto gravosa, e non fu sanza molti sospiri trapassata, ancor che assai brieve la riputassero però che più tosto avrebbero quelle pene sostenute essendo così vicini che doversi il vegnente giorno partire. Ma poi che il sole sparse sopra la terra la sua luce, e i cavalli e la compagnia di Florio furono nella gran corte del real palagio apparecchiati aspettando lui, Florio si levò e con lento passo n’andò davanti al re suo padre e alla reina, dove Biancifiore similmente pensosa già era venuta; e fatta la debita riverenza al padre, e preso congedo dalla madre, la quale in vista non sana, giaceva sopra un ricco letto, prima si voltò verso il re e poi verso la madre, e caramente raccomandò loro Biancifiore, pregandoli che tosto gliele mandassero, e poi abbracciata Biancifiore, in loro presenza la baciò dicendo: - A te sola rimane l’anima mia; chi onorerà te onorerà lei -; e appena così parlando, costrinse con vergogna le lagrime, che il greve dolore che il cuor sentiva si sforzava di mandar per gli occhi fuori, e appena con voce intera poté dire: - Rimanetevi con Dio -; e discese le scale, salì a cavallo e sanza più indugio si partì.