Fiore/CCXXV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CCXXV

../CCXXIV ../CCXXVI IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CCXXIV CCXXVI

 
[...............................]

 Venùs allora già più non atende,
Però ched ella sì vuol ben mostrare
A ciaschedun ciò ched ella sa fare:
Imantenente l’arco su’ sì tende,4

 E poi prende il brandone e sì l’ac[c]ende;
Sì no·lle parve pena lo scoc[c]are,
E per la balestriera il fe’ volare,
Sì che ’l castel ma’ più non si difende.8

 Imantenente il fuoco sì s’aprese:
Per lo castello ciascun si fug[g]ìo,
Sì che nessun vi fece più difese.11

 Lo Schifo disse: "Qui no·sto più io";
Vergogna si fug[g]ì in istran paese,
Paura a gra·fatica si partìo.14