Fiore/CCXXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CCXXVI

../CCXXV ../CCXXVII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CCXXV CCXXVII

 
[...............................]

 Quando ’l castello fu così imbrasciato
E che·lle guardie fur fug[g]ite via,
Alor sì v’entrò entro Cortesia
Per la figl[i]uola trar di quello stato;4

 E Franchez[z]’ e Pietà da l’altro lato
Sì andaron co·llei in compagnia.
Cortesia sì·lle disse: "Figlia mia,
Molt’ ò avuto di te il cuor crucciato,8

 Ché stata se’ gran tempo impregionata.
La Gelosia ag[g]i’ or mala ventura,
Quando tenuta t’à tanto serrata.11

 Lo Schifo e Vergogna con Paura
Se son fug[g]iti, e la gol’ à tagliata
Ser Mala-Bocca per sua disventura.14