Fiore/CCXXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CCXXVII

../CCXXVI ../CCXXVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CCXXVI CCXXVIII

 
[...............................]

 "Figl[i]uola mia, per Dio e per merzede,
Ag[g]ie pietà di quel leal amante,
Che per te à soferte pene tante
Che dir no’l ti poria, in buona fede.4

 In nessun altro idio che·tte non crede,
E tuttora a·cciò è stato fermo e stante:
Figl[i]uola mia, or gli fa tal sembiante
Ch’e’ sia certano di ciò c[h]’or non vede".8

 Bellacoglienza disse: "I’ gli abandono
E me e ’l fiore e ciò ch’i’ ò ’n podere,
E ched e’ prenda tutto quanto in dono.11

 Per altre volte avea alcun volere,
Ma nonn-era sì agiata com’ or sono:
Or ne può fare tutto ’l su’ piacere".14