Fiore/CCXXXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CCXXXI

../CCXXX ../CCXXXII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CCXXX CCXXXII

 
[...............................]

 Quand’ i’ mi vidi in così alto grado,
Tutti i mie’ benfattori ringraziai,
E più gli amo og[g]i ch’i’ non feci mai,
Che molto si penâr di far mi’ grado.4

 Al Die d’Amor ed a la madre i’ bado,
E a’ baron’ de l’oste chiamo assai
D’esser lor[o] fedele a sempremai
E di servirgli e non guardar ma’ guado.8

 Al buono Amico e a Bellacoglienza
Rendé’ grazïe mille e mille volte;
Ma di Ragion non eb[b]i sovenenza,11

 Che·lle mie gioie mi credette aver tolte.
Ma contra lei i’ eb[b]i provedenza,
Sì ch’i’ l’ò tutte quante avute e colte.14