Fiore/CLXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXI

../CLX ../CLXII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLX CLXII

 
La Vec[c]hia

 "A gran pena può femina venire
A buon capo di questa gente rea.
Dido non potte ritenere Enea
Ched e’ non si volesse pur fug[g]ire,4

 Che mise tanta pena in lui servire.
Or che fece Gesono de Medea,
Che, per gl’incantamenti che sapea,
El[l]a ’l sep[p]e di morte guarentire,8

 E po’ sì la lasciò, quel disleale?
Und’ è c[he] ’ figl[i]uoli ched ella avea
Di lui, gli mise a morte, e fece male;11

 Ma era tanto il ben ch’ella volea,
Ch’ella lasciò tutta pietà carnale
Per crucciar que’ che tanto le piacea.14