Fiore/CLXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXIV

../CLXIII ../CLXV IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLXIII CLXV

 
La Vec[c]hia

 "Ne·libro mio so ben che studierai,
Figlia, quando sarai da me partita:
Certana son, se Dio ti dona vita,
Che·ttu ter[r]aï scuola e leg[g]erai.4

 Di leg[g]erne da me congìo tu n’ài;
Ma guàrdati che·ttu sie ben fornita
Di ritener la lezion c[h]’ài udita,
E saviamente la ripeterai.8

 In casa non istar punto rinch[i]usa:
A chiesa o vero a ballo o vero a piaz[z]a,
In queste cota’ luogora sì usa;11

 E fa che·ttu gli die ben de la maz[z]a,
A que’ che per vederti sta a la musa
E che d’averti giorno e notte impaz[z]a.14