Fiore/CLXXII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXXII

../CLXXI ../CLXXIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLXXI CLXXIII

 
La Vec[c]hia

 "E quando tu udirai la sua domanda,
Già troppo tosto non sie d’acordanza,
Né non fare di lui gran rifusanza:
Nostr’ arte sì no’l vuol né no’l comanda.4

 Cortesemente da·tte sì ’l ne manda,
E stea il su’ fatto tuttora in bilanza,
Sì ch’egli ab[b]ia paura ed isperanza
Insin ch’e’ sia del tutto a tua comanda.8

 E quand’ e’ ti farà più pregheria,
Tu gli dirai tuttor che·ttu sie presta
A fargli tutta quanta cortesia,11

 E dì che ’l su’ amor forte ti molesta;
E così caccia la paura via.
Po’ dimora con lui e fagli festa.14