Fiore/CLXXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXXIV

../CLXXIII ../CLXXV IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLXXIII CLXXV

 
La Vec[c]hia

 "Chi ’l su’ amico non cessa di pelare
Infin ch’egli ag[g]ia penna in ala o in dosso
E che d’ogn’ altro bene e’ sia sì scosso
Ched e’ non si ne possa mai volare,4

 Quella cotal dovria l’uon maneg[g]iare:
Ché, quanto ch’ella costa più di grosso,
Più fia tenuta cara, dirlo posso,
E più la vorrà que’ tuttor amare.8

 Ché·ttu non pregi nulla cosa mai
Se nonn-è quel che·ttu n’avrà’ pagato:
Se poco costa, poco il pregerai;11

 E quel che·tti sarà as[s]ai costato,
A l’avenante caro il ti terrai,
Con tutto n’ag[g]ie tu ben mal mercato.14