Fiore/CLXXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXXIX

../CLXXVIII ../CLXXX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLXXVIII CLXXX

 
La Vec[c]hia

 "E s’alcun altro nonn-à che donare,
Ma vorràssi passar per saramenta,
E dirà che·lla ’ndoman più di trenta
O livre o soldi le dovrà recare,4

 Le saramenta lor non dé pregiare,
Chéd e’ non è nes[s]un che non ti menta;
E dice l’un a l’altro: ’La giomenta
Che·ttu ti sai, mi credette ingannare;8

 Ingannar mi credette, i’ l’ò ’ngannata’.
Per che già femina non dee servire
Insin ch’ella non è prima pagata:11

 Ché, quando à fatto, e’ si pensa fug[g]ire,
Ed ella si riman ivi scornata.
Per molte volte fui a quel martire.14