Fiore/CLXXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXXVIII

../CLXXVII ../CLXXIX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLXXVII CLXXIX

 
La Vec[c]hia

 "E se ’l diavol l’avesse fatto sag[g]io,
E che·lla donna veg[g]ia ch’à dottanza
Di non volerle far questa prestanza,
Imantenente sì gli mandi un gaggio:4

 La roba ch’ell’ avrà più d’avantaggio;
E dica che·lla tenga in rimembranza
De’ suo’ danari, e non faccia mostranza
Ched e’ le paia noia né oltrag[g]io.8

 E poi atenderà alcuna festa,
Pasqua o Kalendi Mag[g]io o Pentecosta,
E sia intorno a·llui sanza far resta,11

 Dicendo che giamai a la sua costa
Non dormirà, se que’ no gl[i]ele presta:
La roba, in questa guisa, sì gl[i]el’osta.14