Fiore/CLXXXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXXXI

../CLXXX ../CLXXXII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLXXX CLXXXII

 
La Vec[c]hia

 "E quand’ ella serà rasicurata,
Tantosto sì gli dé cor[r]ere indosso,
E dir: ’Lassa tapina, be·mi posso
Chìamar dolente, s’i’ son arivata4

 Ched i’ sì amo, e sì non son amata!
Molt’ ò lo ’ntendimento rud’ e grosso,
Quando il me’ core s’è sì forte ismosso
D’esser di voi così inamorata’.8

 E po’ sì gli rimuova quistïone,
E dica: ’La lontana dimoranza
C[h]’avete fatta, nonn·è san’ cagione.11

 Ben so che voi avete un’altr’ amanza,
La qual tenete in camera o ’n pregione’;
Sì moster[r]à d’averne gran pesanza.14