Fiore/CLXXXII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXXXII

../CLXXXI ../CLXXXIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLXXXI CLXXXIII

 
La Vec[c]hia

 "Quando ’l cattivo ch’è·ssarà ’ncacato,
La cui pensëa non serà verace,
Sì crederà che ’l fatto su’ ti piace
Tanto, c[h]’ogn’ altro n’ài abandonato,4

 E che ’l tu’ cuor gli s’è tretutto dato;
Né non si guarderà de la fallacie
In che la volpe si riposa e giace,
Insin ch’e’ non serà ben corredato.8

 Ché molt’ è folle que’ che cred’ avere
Nessuna femina che·ssia sua propia,
Per don ched e’ facesse di su’avere.11

 Que’ che·lla vuol, la cheg[g]ia ’nn-Atïopia,
Ché qua no·lla pott’ io ancor vedere,
E s’ella ci è, sì porta l’aritropia.14