Fiore/CLXXXIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXXXIII

../CLXXXII ../CLXXXIV IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLXXXII CLXXXIV

 
La Vec[c]hia

 "Da l’altra parte elle son franche nate:
La leg[g]e sì·lle trâ di lor franchez[z]a,
Dove Natura per sua nobilez[z]a
Le mise quando prima fur criate.4

 Or l’à la leg[g]e sì condizionate
Ed àlle messe a sì gran distrezza,
Che ciascheduna volontier s’adrez[z]a
Come tornar potesse a franchitate.8

 Vedi l’uccel del bosco quand’ è ’n gab[b]ia:
E’ canterà di cuor, ciò vi fi’aviso,
Ma no·gli piace vivanda ch’egli ab[b]ia;11

 Ché Natur’ a franchez[z]a l’à sì miso
Che giorno e notte de l’uscirne arrab[b]ia,
Nonn-avrà tanto miglio o grano o riso.14