Fiore/CLXXXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXXXIV

../CLXXXIII ../CLXXXV IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLXXXIII CLXXXV

 
La Vec[c]hia

 "E se quell’uon desdir non si degnasse,
Anzi dirà, per farla più crucciosa,
Che·nn’ à un’altra, ch’è·ssì amorosa
Di lui che per null’ altro no’l cambiasse,4

 Guardisi quella che non si crucciasse.
Con tutto ciò se ne mostri dogliosa
Di fuor, ma dentr’ al cuor ne sia gioiosa:
Ancora più s’egli s’a[re]negasse;8

 E dicagli che già quella vendetta
Non sarà fatta se non sol per lei,
Sì ch’ella il pagherà di quella detta.11

 Allor da·llui sì mi dipartirei;
Di far amico moster[r]è’ gran fretta,
Sì ch’io in quella angoscia il lascierei.14