Fiore/CLXXXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXXXIX

../CLXXXVIII ../CXC IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLXXXVIII CXC

 
La Vec[c]hia

 "Se quel geloso la tien sì fermata
Ch’ella non poss’ andar là ov’ella vuole,
Sì gli faccia intendente che·ssi duole
D’una sua gotta, che d’averl’ è usata:4

 Per ch’e’ convien ch’ella sïa stufata,
Ché colla stufa guerir se ne suole;
Po’ bullirà ramerin e vïuole
E camamilla e salvia, e fie bagnata.8

 E ’l geloso dirà: ’Va arditamente,
E mena teco buona compagnia’;
Ma molto ne fia nel su’ cuor dolente,11

 Ma vede ch’e’ desdir no·gliel poria.
Quella mena conseco alcuna gente,
La qual sapranno ben sua malatia.14