Fiore/CLXXXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXXXVIII

../CLXXXVII ../CLXXXIX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLXXXVII CLXXXIX

 
La Vec[c]hia

 "Se l’uon può tanto far ched ella vada
Al su’ albergo la notte a dormire,
Sì dé alla femina ben sovenire
Ched ella il faccia star un poco a bada.4

 E que’, che guarderà tuttor la strada,
Certana sie ch’e’ li parrà morire
Insin ched e’ no·lla vedrà venire:
Ché·ll’amor c[h]’uom’ atarda, vie più agrada.8

 E quand’ ella sarà a l’ostel venuta,
Sì dica a que’, che·nn’ è sì amoroso,
Ched ella per su’ amor tropp’ è arguta;11

 Ché ’l su’ marito n’è troppo geloso,
Sì che dubita molto esser battuta:
Così gli faccia forte il päuroso.14