Fiore/CLXXXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXXXVII

../CLXXXVI ../CLXXXVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLXXXVI CLXXXVIII

 
La Vec[c]hia

 "Quand’ a quel lavorio messi saranno,
Ben sag[g]iamente deg[g]ian operare,
E l’un atender e l’altro studiare,
Secondo ch’egli al[l]or si sentiranno;4

 Né sì non dé parer lor già affanno
Di voler ben a modo mantacare,
C[h]’amendue insieme deg[g]ian afinare
Lor dilettanza; e dimorasse un anno!8

 E se·lla donna non v’à disïanza,
Sì ’nfinga in tutte guise che vi sia,
Sì gline mostri molto gran sembianza:11

 Istringa ’l forte e basci ’l tuttavia;
Quando l’uom’ avrà süa dilettanza,
Sì paia ch’ella tramortita sia.14