Fiore/CLXXXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXXXVI

../CLXXXV ../CLXXXVII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLXXXV CLXXXVII

 
La Vec[c]hia

 "Ne·letto su’ si metta in braccio in braccio
Co·llui insiem’ e faccian lor diporto;
Ma dica tuttor: ’Lassa, crudel torto
E` questo che ’nverso il mi’ sire faccio’.4

 E nella gioia c[h]’à, gli metta impaccio,
Sì ch’egli ab[b]ia paura e disconforto:
Dicer li dëe ch’e’ sarebbe morto,
Sanz’ averne rispetto, molt’ avaccio,8

 Se·ll’uon sapesse ch’e’ fosse co·llei:
’Ed i’ lassa dolente, malaurata,
So che vitiperata ne sarei11

 E ch’i’ per man de’ mie’ sarè’ ismembrata’.
E in questa paura i’ ’l metterei,
Che da lui ne sareb[b]e più amata.14