Fiore/CXCI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXCI

../CXC ../CXCII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CXC CXCII

 
La Vec[c]hia

 "Ma ciascun uon c[h]’avesse in sé ragione
O che del mondo ben savio sareb[b]e,
Ma’ don’ di femina non prendereb[b]e,
Ché non son che·llacci di tradigione:4

 Ché quella che facesse donagione,
Contra la sua natura pec[c]hereb[b]e,
E ’n gran follia ciascun gliele por[r]eb[b]e,
Sed ella no’l facesse a falligione.8

 Perciò ciascuna pensi, quando dona,
Che doni nella guisa c[h]’ ò parlato:
Sì che, quand’ ella avrà passata nona,11

 Il guardacuor suo sïa sì fodrato
Ch’ella non cag[g]ia a merzé di persona;
E ciò tien tutto al ben aver guardato.14