Fiore/CXCIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXCIII

../CXCII ../CXCIV IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CXCII CXCIV

 
La Vec[c]hia

 "S’i’ fosse stata, per l’anima mia,
Ben savia in giovanez[z]a e conos[c]ente,
Ch’i’ era allor sì bella e sì piacente
Che ’n ogne parte novelle ne gia,4

 I’ sarè’ troppo ric[c]a, in fede mia;
Ma i’ sì ’l dava tutto a quel dolente,
C[h]’a ben far non fu anche intendente,
Ma tutto dispendea in ribalderia.8

 Né no·gli pia[c]que nulla risparmiare,
Ch’e’ tutto no’l beves[s]e e no’l giucasse,
Tant’ era temperato a pur mal fare:11

 Sì c[h]’a la fin conven[n]e ch’i’·lasciasse,
Quand’ i’ non eb[b]i più che gli donare;
E me e sé di gran ric[c]hez[z]a trasse".14