Fiore/CXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXIX

../CXVIII ../CXX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CXVIII CXX

 
Falsembiante

 "Chi se ’n vuol adirar, sì se n’adiri,
Chéd i’ vi pur conterò ogne mio fatto,
S’i’ dovess’ es[s]er istrutto intrafatto,
O morto a torto com’ furo i martìri,4

 O discacciato come fu ’l buon siri
Guiglielmo che di Santo Amor fu stratto:
Così ’l conciò la mogl[i]e di Baratto,
Però ch’e’ mi rompea tutti mie’ giri.8

 Chéd e’ sì fu per lei sì discacciato,
E sol per verità ch’e’ sostenea,
Ched e’ fu del reame isbandeg[g]iato.11

 De mia vita fe’ libro, e sì leg[g]ea
Ch’e’ non volea ch’i’ gisse mendicato:
Verso mia madre troppo misprendea!14