Fiore/CXL

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXL

../CXXXIX ../CXLI IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CXXXIX CXLI

 
La Vec[c]hia e Falsembiante

 "Certanamente noi gli ab[b]iàn segata
La gola, e giace morto nel fossato:
E’ nonn-à guar’ che noi l’ab[b]iàn gittato,
E ’l diavol sì n’à l’anima portata".4

 La Vec[c]hia sì rispuose: "Or è amendata
Nostra bisogna, po’ ch’egli è sì andato.
Colui cu’ vo’ m’avete acomandato,
I’ metterò in servirlo mia pensata.8

 Dit’ al valetto ch’i’ ne parleròe:
Quando vedrò che ’l fatto sia ben giunto,
I’ tutta sola a chieder sì·ll’andròe".11

 Allor si parte, ed ivi fece punto,
E tutti quanti a Dio gli acomandòe.
Molto mi parve che ’l fatto sie ’n punto.14