Fiore/CXXXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXXXIX

../CXXXVIII ../CXL IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CXXXVIII CXL

 
La Vec[c]hia e Falsembiante

 La Vec[c]hia sì rispuose san’ tardare,
Ché ’l male e ’l ben sapea quantunque n’era:
"Vo’ mi fate [co]sì dolze preghera
Ch’i’ no lo vi saprei giamai vietare.4

 Questi gioelli i’ sì vo’ ben portare
E dargli nella più bella maniera
Che io potrò; ma una lingua fiera,
Che quaentr’ è, mi fa molto dottare,8

 E·cciò è Mala-Bocca maldicente,
Che [con]truova ogne dì nuovi misfatti,
Né non riguarda amico né parente".11

 "No’l ridottate più giamai a fatti,
Ché noi sì l’ab[b]iàn morto, quel dolente,
Sanza che ’n noi trovasse trieva o patti.14