Fiore/CXLIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXLIX

../CXLVIII ../CL IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CXLVIII CL

 
La Vec[c]hia

 "Molti buon’ uomini i’ ò già ’ngannati,
Quand’i’ gli tenni ne’ mie’ lacci presi:
Ma prima fu’ ’ngannata tanti mesi
Che ’ più de’ mie’ sollaz[z]i eran passati.4

 Centomilia cotanti barattati
N’avrei, s’i’ a buon’ or gli avesse tesi,
E conti e cavalieri e gran borgesi,
Che molti fiorin’ d’oro m’avrian dati.8

 Ma quand’ i’ me n’avidi, egli era tardi,
Chéd i’ era già fuor di giovanez[z]a,
Ed eranmi falliti i dolzi isguardi,11

 Perché ’n sua bàlia mi tenea vec[c]hiez[z]a.
Or convien, figlia mia, che tu ti guardi
Che·ttu non ti conduchi a tale strez[z]a.14