Fiore/CXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXVII

../CXVI ../CXVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CXVI CXVIII

 
Amore e Falsembiante

 "Cotesta mi par gran dislealtate",
Rispose Amore, "Or non credi tu ’n Cristo?".
"I’ non, chéd e’ sarà pover e tristo
Colù’ che viverà di lealtate:4

 Sì ch’io non vo’ per me quelle ghignate,
Ma, come ched i’ possa, i’ pur a[c]quisto,
Ché da nessun nonn-è volontier visto
Colui che man terrà di povertate,8

 Anzi l’alunga ciascuno ed incaccia;
Già no·lli fia sì amico né parente
Ch[ed] egli il veg[g]a volontieri in faccia:11

 Sì ch’i’ vogl[i]’ anzi c[h]’on mi sia ubidente,
Come ch[ed] io a Cristo ne dispiaccia,
Ched es[s]er in servag[g]io della gente.14