Fiore/CXXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXXIV

../CXXIII ../CXXV IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CXXIII CXXV

 
Falsembiante

 "Sed i’ truovo in cittade o in castello,
Colà ove paterin sia riparato,
Crede[n]te ched e’ sia o consolato,
Od altr’ uon, ma’ ch’e’ sïa mio ribello,4

 O prete ched e’ sia o chericello
Che tenga amica, o giolivo parlato,
E’ convien che per me sia gastigato,
Ché ciaschedun mi dotta, sì son fello.8

 Ancor gastigo altressì usurai
E que’ che sopravendono a credenza,
Roffïane e forziere e bordelai;11

 E ’n ciasc[hed]uno i’ ò malivogl[i]enza;
Ma, che che duol tu senti, no’l dirai,
Sì fortemente dotti mia sentenza.14