Fiore/CXXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXXVIII

../CXXVII ../CXXIX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CXXVII CXXIX

 
L’armata de’ baroni

 À l’armadure ciaschedun sì prese,
E sì s’armâr con molto gran valore
Per dar a Gelosia pene e dolore,
Se contra lor [i]stesse alle difese;4

 Ed alcun prese scudo, altro pavese,
Ispade e lancie, a molto gran romore,
Dicendo ciaschedun al Die d’Amore
Che quelle guardie saran morte e prese.8

 Or sì vi conterò la contenenza
Che Falsembiante fece in quella andata
Colla su’ amica Costretta-Astinenza.11

 E’ no·mmenâr co·llor già gente armata,
Ma come gente di gran penitenza
Si mosser per fornir ben lor giornata.14