Fiore/CXXXIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXXXIII

../CXXXII ../CXXXIV IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CXXXII CXXXIV

 
Astinenza

 Astinenza sì cominciò a parlare,
E disse: "La vertude più sovrana
Che possa aver la criatura umana,
Sì è della sua lingua rifrenare.4

 Sovr’ ogn’ altra persona a noi sì pare
Ch’esto peccato in voi fiorisce e grana;
Se no’l lasciate, egli è cosa certana
Che nello ’nferno vi conviene andare:8

 Ché pez[z]’à c[h]’una truffola levaste
Sopra ’l valetto che vo’ ben sapete:
Con gran[de] torto voi il difamaste,11

 Ch’e’ non pensava a·cciò che vo’ credete.
Bellacoglienza tanto ne gravaste
Ch’ella fu messa là ove vo’ vedete".14