Fiore/IX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
IX

../VIII ../X IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

VIII X

 
L’Amante e Ragione

 Dogliendomi in pensando del villano
Che·ssì vilmente dal fior m’à ’lungiato,
Ed i’ mi riguardai dal dritto lato,
E sì vidi Ragion col viso piano4

 Venir verso di me, e per la mano
Mi prese e disse: "Tu·sse’ sì smagrato!
I’ credo che·ttu à’ troppo pensato
A que’ che·tti farà gittar in vano,8

 Ciò è Amor, a cui dat’ ài fidanza.
Ma·sse m’avessi avuto al tu’ consiglio,
Tu non saresti gito co·llui a danza:11

 Ché, sie certano, a cu’ e’ dà di piglio,
Egli ’l tiene in tormento e malenanza,
Sì che su’ viso nonn-è mai vermiglio".14