Fiore/LIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LIV

../LIII ../LV IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

LIII LV

 
Amico

 "Se·ttu non puo’ parlar a quella ch’ami,
Sì·lle manda per lettera tu’ stato,
Dicendo com’ Amor t’à·ssì legato
Ver’ lei, che ma’ d’amarla non ti sfami.4

 E le’ dirai: ’Per Gesocristo, tra’ mi
D’esti pensier’, che m’ànno sì gravato!’;
Ma guarda che·llo scritto sia mandato
Per tal messag[g]io che non vi difami.8

 Ma nella lettera non metter nome;
Di lei dirai ’colui’, di te ’colei’:
Così convien cambiar le pere a pome.11

 Messag[g]io di garzon’ ma’ non farei,
Chéd e’ v’à gran periglio, ed odi come:
Nonn-à fermez[z]a in lor; perciò son rei.14