Fiore/LVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LVII

../LVI ../LVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

LVI LVIII

 
Amico

 "Quando fai ad alcuna tua richesta,
O vec[c]hia ch’ella sia o giovanzella,
O maritata o vedova o pulzella,
Sì convien che·lla lingua tua sia presta4

 A·lle’ lodar suo’ oc[c]hi e bocca e testa
E dir che sotto ’l ciel non à più bella:
’Piacesse a Dio ch’i’ v’avesse in gonella
Là ov’io diviserei, in mia podesta!’.8

 Così le’ déi del tutto andar lodando,
Chéd e’ nonn-è nes[s]una sì atempata
Ch’ella non si diletti in ascoltando,11

 E credes’ esser più bella che fata;
E ’mmantenente pensa a gir pelando
Colui che prima tanto l’à lodata.14