Fiore/LVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LVIII

../LVII ../LIX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

LVII LIX

 
Amico

 "Le giovane e le vec[c]hie e le mez[z]ane
Son tutte quante a prender sì ’ncarnate
Che nessun puote aver di lor derate
Per cortesïa, tanto son villane:4

 Ché quelle che si mostran più umane
E non prendenti, dànno le ghignate.
Natur’ è quella che·lle v’à ’fetate,
Sì com’ ell’ à ’fetato a caccia il cane.8

 Ver è c[h]’alcuna si mette a donare;
Ma ella s’è ben prima proveduta
Ch’ella ’l darà in luogo d’adoppiare.11

 I·llor gioei non son di gran valuta,
Ma e’ son esca per uccè’ pigliare.
Guardisi ben chi à corta veduta!14