Fiore/LXXXII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXXXII

../LXXXI ../LXXXIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

LXXXI LXXXIII

 
Dio d’Amore

 Amor disse a’ baroni: "I’ v’ò mandato
Perch’e’ convien ch’i’ ag[g]ia il vostro aiuto,
Tanto che quel castel si’ abattuto
Che Gelosia di nuovo à già fondato.4

 Onde ciascun di voi è mi’ giurato:
Sì vi richeg[g]io che sia proveduto
Per voi in tal maniera che tenuto
Non sia più contra me, ma si’ aterrato.8

 Ch’e’ pur convien ch’i’ soccorra Durante,
Chéd i’ gli vo’ tener sua promessione,
Ché trop[p]o l’ò trovato fin amante.11

 Molto penò di tòr[r]elmi Ragione:
Que’ come sag[g]io fu sì fermo e stante
Che no·lle valse nulla su’ sermone".14