Fiore/LXXXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXXXIV

../LXXXIII ../LXXXV IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

LXXXIII LXXXV

 
L’ordinanze delle battaglie de la baronia

 Al Die d’Amor ricordaro il fatto,
E disser ch’e’ trovavar d’acordanza
Che Falsembiante e Costretta-Astinanza
Dessono a Mala-Bocca scacco matto;4

 Larghez[z]a e Cortesia traes[s]er patto
Con quella che·ssa ben la vec[c]hia danza,
E Pietate e Franchez[z]a dear miccianza
A quello Schifo che sta sì ’norsato;8

 E po’ vada Diletto e Ben-Celare,
Ed a Vergogna dean tal lastrellata
Ched ella non si possa rilevare;11

 Ardimento a Paura dea ghignata,
E Sicurtà la deg[g]ia sì pelare
Ched ella non vi sia ma’ più trovata.14