Fiore/LXXXV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXXXV

../LXXXIV ../LXXXVI IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

LXXXIV LXXXVI

 
Lo Dio d’Amore

 Amor rispuose: "A me sì piace assai
Che l’oste avete bene istabulita;
Ma·ttu, Ric[c]hez[z]a, c[h]’or mi se’ fallita,
Sed i’ potrò, tu·tte ne penterai.4

 S’uomini ric[c]hi i’ posso tener mai,
Non poss’ io già star un giorno in vita,
S’avanti che da me facciar partita
Non recherò a poco il loro assai.8

 Uomini pover’ fatt’ ànno lor sire
Di me, e ciaschedun m’à dato il core:
Per ch’a tal don mi deg[g]io ben sofrire.11

 Se di ric[c]hez[z]a sì come d’amore
I’ fosse dio, non possa io ben sentire
Sed i’ no·gli mettesse in gran riccore".14