Fiore/LXXXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXXXVIII

../LXXXVII ../LXXXIX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

LXXXVII LXXXIX

 
Falsembiante

 "Po’ ch’e’ vi piace, ed i’ sì ’l vi diròe",
Diss’ alor Falsembiante: "or ascoltate,
Chéd i’ sì vi dirò la veritate
De·luogo dov’io uso e dov’i’ stoe.4

 Alcuna volta per lo secol voe,
Ma dentro a’ chiostri fug[g]o in salvitate,
Ché quivi poss’ io dar le gran ghignate
E tuttor santo tenuto saròe.8

 Il fatto a’ secolari è troppo aperto:
Lo star guari co·lor no·mmi bisogna,
C[h]’a me convien giucar troppo coperto.11

 Perch’ i’ la mia malizia mi ripogna,
Vest’ io la roba del buon frate Alberto:
Chi tal rob’ àe, non teme mai vergogna.14