Fiore/XCVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XCVII

../XCVI ../XCVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XCVI XCVIII

 
Falsembiante

 "Chi della pelle del monton fasciasse
I·lupo, e tra·lle pecore il mettesse,
Credete voi, perché monton paresse,
Che de le pecore e’ non divorasse?4

 Già men lor sangue non desiderasse,
Ma vie più tosto inganar le potesse;
Po’ che·lla pecora no’l conoscesse,
Se si fug[g]isse, impresso lui n’andasse.8

 Così vo io mi’ abito divisando
Ched i’ per lupo non sia conosciuto,
Tutto vad’ io le genti divorando;11

 E, Dio merzé, i’ son sì proveduto
Ched i’ vo tutto ’l mondo og[g]i truffando,
E sì son santo e produomo tenuto.14