Fiore/XII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XII

../XI ../XIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XI XIII

 
L’Amante

 Tutto pien d’umiltà verso ’l giardino
Torna’ mi, com’ Amico avea parlato,
Ed i’ guardai, e sì eb[b]i avisato
Lo Schifo, con un gran baston di pino,4

 Ch’andava riturando ogne camino,
Che dentro a forza non vi fosse ’ntrato;
Sì ch’io mi trassi a lui, e salutato
Umilemente l’eb[b]i a capo chino,8

 E sì gli dissi: "Schifo, ag[g]ie merzede
Di me, se ’nverso te feci alcun fallo,
Chéd i’ sì son venuto a pura fede11

 A tua merzede, e presto d’amendarlo".
Que’ mi riguarda, e tuttor si provede
Ched i’ non dica ciò per ingan[n]arlo.14