Fiore/XIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XIII

../XII ../XIV IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XII XIV

 
Franchezza

 Sì com’ i’ stava in far mia pregheria
A quel fellon ch’è sì pien d’arditez[z]a,
Lo Dio d’Amor sì vi man[dò] Franchez[z]a,
Co·llei Pietà, per sua ambasceria.4

 Franchez[z]a cominciò la diceria,
E disse: "Schifo, tu·ffaï stranez[z]a
A quel valletto ch’è pien di larghez[z]a
E prode e franco, sanza villania.8

 Lo Dio d’Amor ti manda ch’e’ ti piaccia
Che·ttu non sie sì strano al su’ sergente,
Ché gran peccato fa chi lui impaccia;11

 Ma sòffera ch’e’ vada arditamente
Per lo giardino, e no’l metter in caccia,
E guardi il fior che·ssì gli par aolente".14