Fiore/XVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XVI

../XV ../XVII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XV XVII

 
L’Amante e lo Schifo

 Quand’ i’ vidi lo Schifo sì adolzito,
Che solev’ esser più amar che fele
Ed i’ ’l trovà’ vie più dolce che mele,
Sap[p]iate ch’i’ mi tenni per guerito.4

 Nel giardin me n’andai molto gichito
Per dotta di misfar a quel crudele,
E gli giurai a le sante guagnele
Che per me non sareb[b]e mai marrito.8

 Allor mi disse: "I’ vo’ ben che·ttu venghi
Dentr’ al giardin[o] sì com’ e’ ti piace,
Ma’ che lungi dal fior le tue man tenghi.11

 Le buone donne fatt’ ànno far pace
Tra me e te: or fa che·lla mantenghi,
Sì che verso di me no sie fallace".14