Fiore/XVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XVII

../XVI ../XVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XVI XVIII

 
Venùs

 Venusso, ch’è socorso degli amanti,
Ven[n]’ a Bellacoglienza col brandone,
E sì·recava a guisa di penone
Per avampar chiunque l’è davanti.4

 A voler racontar de’ suo’ sembianti
E de la sua tranobile faz[z]one,
Sareb[b]e assai vie più lungo sermone
Ch’a sermonar la vita a tutti i santi.8

 Quando Bellacoglienza sentì ’l caldo
Di quel brandon che così l’avampava,
Sì tosto fu ’l su’ cuor col mïo saldo;11

 E Venusso, ch’a·cciò la confortava,
Si trasse verso lei col viso baldo,
Dicendo che ve·me troppo fallava.14