Fiore/XXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXVI

../XXV ../XXVII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XXV XXVII

 
Lo Schifo

 Lo Schifo, quando udïo quel romore,
Conob[b]e ben ched egli avea mispreso,
Sì disse: "Il diavol ben m’avea sorpreso,
Quand’ io a nessun uon mostrav’ amore.4

 Ma s’i’, colui che ven[n]e per lo fiore,
I’ ’l posso nel giardin tener mai preso,
I’ sia uguanno per la gola impeso
Sed i’ no’l fo morir a gran dolore".8

 Allor ricigna il viso e gli oc[c]hi torna,
E troppo contra me tornò diverso:
Del fior guardar fortemente s’atorna.11

 A[h]i lasso, c[h]’or mi fu cambiato il verso!
In poca d’or sì ’l fatto mi bistorna
Che d’abate tornai men ch’a converso.14