Fiore/XXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXVII

../XXVI ../XXVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XXVI XXVIII

 
Gelosia

 Gelosïa, che stava in sospeccione
Ch’ella del fior non fosse baratata,
Sì fe’ gridar per tutta la contrata
Ch’a·llei venisse ciascun buon maz[z]one,4

 Ch’ella volea fondar una pregione
Dove Bellacoglienza fia murata;
Ché ’n altra guardia non fie più lasciata,
Po’ ch’ella l’à trovata i·mesprigione:8

 "Ché la guardia del fior è perigliosa,
Sì saria folle se ’llei mi fidasse
Per la bieltà ch’à ’n lei maravigliosa".11

 E se Venùs’ ancor la vicitasse,
Di ciò era certana, e non dottosa,
Ch’e’ conver[r]eb[b]e ch’ella il fior donasse.14