Fiore/XXXII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXII

../XXXI ../XXXIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XXXI XXXIII

 
L’Amante

 Gelosia andava a proveder le porte,
Sì trovava le guardie ben intese
Contra ciascuno star a le difese
E per donar e per ricever morte;4

 E Mala-Bocca si sforzava forte
In ogne mi’ sacreto far palese:
Que’ fu ’l nemico che più mi v’afese,
Ma sopra lui ricad[d]or poi le sorte.8

 Que’ non finava né notte né giorno
A suon di corno gridar: "Guarda, guarda!";
E giva per le mura tutto ’ntorno11

 Dicendo: "Tal è putta e tal si farda,
E la cotal à troppo caldo il forno,
E l’altra follemente altrù’ riguarda".14