Fiore/XXXIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXIII

../XXXII ../XXXIV IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XXXII XXXIV

 
L’Amante

 Quand’ i’ vidi i marosi sì ’nforzare
Per lo vento a Provenza che ventava,
C[h]’ alberi e vele e ancole fiac[c]ava,
E nulla mi valea il ben governare,4

 Fra me medesmo comincià’ a pensare
Ch’era follïa se più navicava,
Se quel maltempo prima non passava
Che dal buon porto mi facé’ alu[n]giare:8

 Sì ch’i’ allor m’ancolai a una piag[g]ia,
Veg[g]endo ch’i’ non potea entrar in porto:
La terra mi parea molto salvaggia.11

 I’ vi vernai co·molto disconforto.
Non sa che mal si sia chi non asaggia
Di quel d’Amor, ond’i’ fu’ quasi morto.14